Oppio dei popoli

Classica scuola elementare primaria di paese, dove i genitori dei pargoli conoscono in pratica quelli di tutti gli altri, e probabilmente qualche maestra dei figli è stata pure la loro.
Entro nell’aula multimediale, devo installare dei software didattici sul computer collegato alla lavagna interattiva. Mentre mi lamento della solita cronica lentezza causata da programmi inutili mi scappa l’occhio su alcune icone del desktop: presentazioni da catechesi, addirittura un programma che si chiama “Un papà di nome Dio”. Mi guardo intorno, sui muri molti cartelloni con illustrazioni ispirate a parabole del Vangelo, tipo il figliol prodigo. Brividi, mi dissocio.
Non ho ricevuto un’educazione cattolica, seppur cristiana, e forse questo influisce sulle mie sensazioni in queste situazioni. Ma dico: tutti predicano l’ignoranza degli studenti di oggi, le loro lacune in italiano e geografia, il fuggifuggi dalle materie scientifiche, e allora, perché perdere tempo ad insegnare religione a scuola? Negli anni gli argomenti trattati avrebbero dovuto cambiare, passare dall’essere prettamente cattolici al generalisti, spiegare i princìpi di tutte le religioni, o almeno le più diffuse, portare alla tolleranza. L’ho sentito proclamare milioni di volte, invece raramente è così.
Penso che se una famiglia vuole istruire i figli secondo i cànoni della religione cattolica deve farlo a casa. Come i genitori islamici insegnano ai più piccoli la propria religione, a casa. Ma non lo fanno, perché sinceramente non gliene frega nulla, probabilmente non si ricordano nulla delle loro ore di catechismo a cui andavano solo per scambiarsi le figurine e sono praticanti solo a Natale, nei loro vestiti della festa e pellicce da esibire.
Di chi è la colpa? Prima di tutto di quell’ipocrita di Repubblica Italiana. Sono 60 anni che vige la Costituzione, riporando chiaramente la laicità dello Stato Italiano, ma è un caposaldo calpestato tanto quanto quello della libertà di espressione. Quindi orsù lasciamo i crocefissi nelle aule, e anzi se li tolgono ascoltiamo lo studentello bigotto e rimettiamoli subito. Già che ci siamo paghiamo acqua e fogne al Vaticano, poverini, non hanno soldi.
Volete l’ora di religione? Allora chiamate ogni volta l’esponente di una confessione diversa, dovrebbero avere tutti lo stesso diritto di esporre la propria fede. E non tiratemi fuori la storia del «islam = terrorismo», scusa ottusa, sempre lì vanno a parare.
Ma tanto lo so, sono parole a vuoto, Casini & co. non vogliono, ci mancherebbe altro. Tutti come bimbi nascosti dietro le tonache dei preti con l’occhio puntato a poltrone, indennità e pensioni, che ancora adesso sognano il ritorno della DC.
AGGIUNTA: sia chiaro, non dico che non deve esserci religione. Rispetto le fedi e chi ne ha, ma istruzione e istituzioni devono essere laiche.
L’immagine ritrae “Charlie don’t surf”, opera di Maurizio Cattelan che rappresenta uno studente inchiodato al banco di scuola «da un mondo di grandi e di preti», come dicono i Baustelle.

4 pensieri riguardo “Oppio dei popoli”

  1. Mi trovo d’accordo su molti punti. Io ho fatto religione fino al quinto superiore e non mi pento di non aver mai chiesto l’esenzione (per andare in sala giochi).Quello che mi resta più impresso oggi ma il mio sarà un caso sporadico) è che alle medie proprio un prete ci fece studiare per un anno le religioni del mondo, non solo la religione cattolica. Mentre alle superiori, durante l’ora di religione (ho avuto la stessa insegnante per quasi tutti e 5 gli anni), si facevano veri e propri dibattiti su casi di attualità e chiesa.Io non sarò praticante, probabilmente non mi ritengo neanche un religioso, ma in tutta sincerità mi infastidisce il dissenso ad ogni costo su ogni cosa che sia chiesa.

  2. Ciao!Oggi ho lanciato un’iniziativa sul mio blog che vorrei segnalarti. Ho deciso di regalare ad un mio fortunato lettore il famoso computer da 200 euro con gOS preinstallato!Ho deciso di utilizzare i guadagni del mio primo anno di blog per autofinanziare il contest. Per partecipare all’estrazione è infatti necessario avere un blog o un sito nel quale segnalare l’iniziativa:http://www.danirevi.it/contest-danirevi-ti-regala-un-computer.htmlChe dici sei dei nostri? L’estrazione sarà in diretta via webcam tra 14 giorni (già mi vergogno ehehe).A presto e complimenti per il blog!Daniele

Rispondi