Qualcuno la chiama già Terza Repubblica

L’unico appunto politico che ho fatto nel periodo della campagna elettorale si riferiva al test Voi Siete Qui. Dopo i risultati di ieri avevo pensato di scrivere qualcosa, ma leggendo molti moltissimi post mi sono stufato dell’argomento. Quindi, mash up!
Volevo citare un post di Stefano sul suo BohBlog che mi ha fatto pensare:

Francia, 1994: François Mitterrand
Francia, 2001: Jacques Chirac
Francia, 2008: Nicolas Sarkozy

Regno Unito, 1994: John Major
Regno Unito, 2001: Tony Blair
Regno Unito, 2008: Gordon Brown

Germania, 1994: Helmut Kohl
Germania, 2001: Gerhard Schröder
Germania, 2008: Angela Merkel

USA, 1994: William Jefferson Clinton
USA, 2001: George Walker Bush
USA, 2008: Barack Obama? John Caine?

Italia, 1994: Silvio Berlusconi
Italia, 2001: Silvio Berlusconi
Italia, 2008: Silvio Berlusconi

Mi pare evidente che Charles Darwin era uno sporco comunista.

clicca qui per leggere tutto il post su BohBlog

Un paio di personalissime considerazioni.

  • Punto primo, sono stato sempre tendenzialmente a favore del bipolarismo, un po’ all’americana, e anche se nessuno se l’aspettava con questa legge elettorale c’è stata una pulizia non indifferente. Infatti avremo al parlamento 5 partiti divisi in 3 gruppi parlamentari (Popolo della Libertà e Lega Nord, Partito Democratico e Italia dei Valori, Unione di Centro). Questo potrebbe favorire una certa stabilità, o per meglio dire un’opposizione più costruttiva e sensata, tanto che qualcuno la chiama già Terza Repubblica.
  • Punto secondo, mi sono spaventato a condividere un’affermazione di Tremonti. Sì, proprio quello con la faccia da maniaco che siederà per la terza volta come ministro dell’Economia. A Matrix ha detto che l’Italia continua ad essere una anomalia in Europa: prima mille partiti come nessuno nella Comunità, ora nessun partito di sinistra nel senso filocomunista, come nessuno nella Comunità. Questo fatto, preoccupante anche secondo Fini (e ho detto tutto), creerà problemi a lungo andare.
  • Punto terzo, la Lega Nord, il partito territoriale che al nord prende il 20% se non di più, lo schieramento che addirittura in Umbria ha preso quasi il 2%. La questione è: saranno maturati? Siamo ancora al livello di «la Lega ce l’ha duro», vilipendi alla bandiera, secessione, disinfettazione di sedili, pascolo dei maiali etc, oppure sono in grado di rappresentare in modo serio gli elettori della Repubblica Italiana?
  • Punto quarto, Silvio. Su di lui ce ne sarebbero da dire, si potrebbero fare edizioni complete di telegiornali (interno, estero, cronaca, sport, gossip, medicina). Corruzione, mafia, tv, giornali, blablabla. Non aggiungo altro perché in Rete si trova già l’infinito e oltre.
  • Punto quinto, molte cose ormai da un pezzo mi stanno ricordando un certo programma di un certo gruppo nel quale vi era (è?) una certa persona.

Più avanti tireremo le somme. Se non saremo già emigrati.
PS: rimetteranno quello sfondo tipo finto affresco con scritto EVROPA nella sala del question time?

4 pensieri riguardo “Qualcuno la chiama già Terza Repubblica”

  1. Silvio ha fatto il suo gioco all’ultimo minuto..anche se nessun contratto è stato firmato l’annuncio dell’acquisto di Ronaldinho(si scrive così?)ha di certo portato voti..
    La prossima volta consiglio a Walter di comprarsi una squadra di calcio, o una di veline, e puntare sui tifosi.

  2. Grazie per il link 🙂
    Sul punto quinto direi che sono preoccupato anche io, e da molto tempo. La cosa peggiore è che se lo esterni vieni tacciato di essere il solito fondamentalista, e allora che si fa?
    IMHO comunque la Lega non maturerà mai, e leggendo il tuo post mi sono venute in mente alcune cose che mi hanno fatto sorridere: come dici giustamente si ha finalmente qualche sprazzo di bipolarismo all’americana. La cosa che mi fa sorridere è che un paio di mesi fa avevano tutti quanti dipinto la “morte del bipolarismo”, e la necessità di nuovi schemi 🙂
    Come il fatto che abbiano tutti sputato su quell’aborto di legge elettorale (anche chi l’aveva fatta) per poi correggersi oggi e dire che è la legge perfetta.
    Se questo è solo l’inizio, tremo al pensare al “dopo”…

  3. @Stefano – Bohblog: già, nessuno ricorda mai il programma della P2, ma lo stiamo seguendo alla lettera da anni.. Gelli è di un contento che non possiamo nemmeno immaginare..

Rispondi