PokerTH on Ubuntu Linux

Dopo aver visto il film “007 – Casino Royale” io e gli amici della comunità di Petoria siamo rimasti sotto il treno del poker, in particolare del Texas Hold’em. Abbiamo cominciato a seguire PokerMania su Italia1 (su Sky è meglio commentato, ..torrent?) e a giocare tra noi, e siccome siamo pigri invece di comprarci le fiches usiamo i vecchi POG!
E guardate (soprattutto tu, amico Spike) cos”ho trovato? PokerTH 0.4 per Ubuntu Linux! Eh, GetDeb è sempre un’ottima fonte di software impacchettati per la nostra distro umana.

Cliccate sull’immagine per andare alla pagina di descrizione e download.

Avant Window Navigator & Affinity: Feisty repositories

Ci sono stati tantissimi tentativi di creare docks per Linux sull’idea della barra animata di MacOSX. Per un periodo ho usato quella di gDesklets sotto Gnome, poi ho evitato di usare soluzioni create ad hoc, ancora immature ed instabili.
Poi anche grazie a felipe ho trovato la Avant Window Navigator, che ha avuto un successo immediato nonostante sia continuamente in sviluppo. Ho installato una versione pacchettizzata da lui, ma preferisco le soluzioni pulite, ossia i buoi vecchi repositories. Ebbene, dopo quelli per Edgy ecco i nuovi repo per Feisty:

deb http://apt.schmidtke-hb.de/ feisty main
deb-src http://apt.schmidtke-hb.de/ feisty main

Dopo il solito update, per avere il dock si deve installare il pacchetto avant-window-navigator.
Per quanto riguarda l’altra applicazione sviluppata dallo stesso team, Affinity, le idee sono tante, ma la stabilità per quanto mi riguarda ancora manca. Se lanciato piazza un’icona nell’area di notifica, è ancora poco personalizzabile (a meno che non ci si mettano le mani con gconf-editor, ma anche lì ci si fa poco), mentre l’applet per il pannello mi crasha inesorabilmente. Quindi per ora non lo consiglio.
A chi non fosse chiaro: per far funzionare entrambe le applicazioni è necessario avere attivo compiz (non cito beryl per il semplice fatto che È compiz, sono tornati ad essere un progetto solo ormai).

Vista vs Alcohol 120%: risolvere il crash con schermata blu

10/01/2008: guida corretta e modificata a favore di chi usa una distribuzione da live cd. Grazie Alessio Padovani!
Sul mio portatile nuovo, HP dv6276ea, c’è Winzozz Vista installato di default. Collegato alla corrente e acceso, la prima cosa che ho fatto è stato installarlo, per dire un «wow..» ironico, riavviare con il cd di Ubuntu e installare. Tengo sVista solo per giocare in LAN con gli amici. Per questo avevo bisogno di caricare l’immagine di un cd.
Ho installato il primo programma utile a montare immagini che mi è capitato a tiro, e nonostante i preferisca i Daemon Tools, era Alcohol 120%. Subito prima di cliccare “Fine” dell’installazione ecco la sorpresa: schermata blu! C’è pure su sVista allora (non quella del link)! Ho penato un po’ in Rete, fino a trovare la soluzione.
Lo sporco lavoro l’ho fatto con Ubuntu 7.04 “Feisty Fawn” Herd5, che ha già di default quello che ci serve. Dico subito che quando userò il comando sudo intendo dire che il comando deve essere eseguito come utente root (specifico per gli utenti di altre distro).
Requisiti minimi

  • ultima versione degli ntfstools (contiene il comando ntfsfix) (presente in Ubuntu 7.10 “Gutsy Gibbon”)
  • ntfs-3g (per mountare le partizione NTFS in lettura/scrittura) (presente in Ubuntu 7.10 “Gutsy Gibbon”)

Procedimento in Linux (seguito dai comandi usati nel mio caso)

  1. applicare ntfsfix alla partizione winzozz, per sistemare l’eventuale tabella NTFS danneggiata:
    sudo ntfsfix /dev/sda1
  2. creare la cartella nella quale si monterà la partizione:
    sudo mkdir /media/vista
  3. mountare di forza la partizione in lettura/scrittura:
    (corretto) sudo mount -o force /dev/sda1 /media/vista
  4. andare nella partizione montata, nella cartella dei drivers di winzozz:
    (corretto) cd /media/vista/Windows/System32/drivers/
  5. rinominare il file a347bus.sys (è quello che crea problemi!):
    sudo mv a347bus.sys a347bus.xxx
  6. riavviare sotto winzozz.

Ecco che il sistema non vede più il driver di Alcohol 120% e si avvia regolarmente, magari dopo un chkdsk all’avvio. Una volta dentro disinstallare Alcohol, anche se nel mio caso aveva solo copiato i drivers e creato le shortcuts nel menù dei programmi. E il gioco è fatto 🙂
Se dovete montare un’immagine sotto sVista installate i Daemon Tools, li ho testati e sono funzionanti.