Rimuovere tutti i pannelli di GNOME in Ubuntu

Molti utenti di Ubuntu e altre distribuzioni GNU/Linux utilizzano barre delle applicazioni diverse da quelle standard offerte da GNOME, come ad esempio Avant Window Navigator.
Facendo delle variazioni grafiche ho provato ad eliminare tutti i pannelli in modo da usare solo AWN con le varie applet che mette a disposizione, ma non era possibile eliminare il pannello principale. Notate bene che una volta fatte queste operazioni sarete senza il solito menu, quindi preparate prima la vostra barra preferita con le applet necessarie da sostituire in tutto e per tutto lo standard offerto dal sistema.
Ecco come si fa (procedimento eseguito in Ubuntu 9.10 “Karmic Koala”):

  • lanciate gconf-editor (da terminale, o con Alt+F2, o nel menu da Applicazioni > Strumenti di sistema > Editor della configurazione)
  • nella struttura ad albero andate su desktop > gnome > session > required_components
  • alla voce panel troverete gnome-panel, con un doppio click potete modificarlo, metteteci il comando per lanciare la vostra barra preferita (nel mio caso avant-window-navigator)
  • chiudete, fate logout e di nuovo login.

A questo punto il pannello standard sarà sparito e avrete solo la barra che avete scelto. Se volete tornare indietro – come ho fatto io dopo 2 minuti con la nuova grafica, ho sentito subito la mancanza della grafica standard – seguite gli stessi passi appena elencati rimettendo la voce gnome-panel dov’era.

Avant Window Navigator in Ubuntu «Gutsy Gibbon» 7.10

Appena passato a Gutsy Gibbon dopo uno schizzo di follia mi sono ritrovato senza la mia Avant Window Navigator. Avevo solo i repositories per feisty, e la mia proverbiale pigrizia nonché voglia di pulizia nei files di sistema mi proibisce di compilare sorgenti se riesco ad evitarlo 🙂

Sono pigro più o meno così

Per un po’ ne ho fatto a meno, fino a quando non ho fatto la prova: e se cambio “feisty” con “gutsy” anche per quei repo? Detto, fatto, funzionante, con la versione Bazaar (bzr) sempre con le ultime novità. Quindi, amici del Gibbone, eccoli:

deb http://download.tuxfamily.org/syzygy42/ gutsy avant-window-navigator
deb-src http://download.tuxfamily.org/syzygy42/ gutsy avant-window-navigator

È passato diverso tempo dall’ultima volta in cui ho parlato delle novità della dock-bar più celebre degli ultimi mesi. Quali sono le più vistose?

  • nuove applets: oltre al menu control abbiamo i controlli volume e multimediali (indietro, avanti..), la notification area (che a me non è mai andata però), controlli batteria, desktop switcher, addirittura la Gmail applet e l’interruttore di spegnimento, e tante altre
  • nuove animazioni per le icone: invece del solito Classic potete usare Fade (a scomparsa, mah), Spotlight (bell’effetto neon!), Zoom (non come quello di MacOSX), Squish (rimbalzo deformante), 3D turn (l’icona ruota sull’asse centrale e risulta tridimensionale!).

Ovviamente c’è il gestore di temi, e ne trovate in abbondanza su Gnome-look. Già che ci siamo vi segnalo che il sito ufficiale del progetto sta migriando a http://awn-project.org che incorpora il wiki, ma in questo momento sono ancora in alto mare con il trasferimento.

Avant Window Navigator si evolve

Questa mattina, come ogni sacrosanta mattina, ho controllato gli aggiornamenti dei repositories della mia Ubuntu Feisty, e come spesso accade c’era un aggiornamento per Avant Window Navigator. Fino a un po’ di tempo fa lo sviluppo di questo progetto era ospitato su Google Code e utilizzava Subversion, ma dopo essersi ingrandito è passato a Launchpad e a Bazaar Version Controller. Preferendo per pigrizia la comodità dei repositories ne ho cercato uno che mi potesse dare sempre l’ultima versione con il minor sforzo. Eccolo:

deb http://download.tuxfamily.org/syzygy42/ feisty avant-window-navigator
deb-src http://download.tuxfamily.org/syzygy42/ feisty avant-window-navigator

Per autenticare il repository:

wget http://download.tuxfamily.org/syzygy42/8434D43A.gpg -O- | sudo apt-key add –

Date un sudo apt-get update ed installate avant-window-navigator-bzr.
Ecco le novità degli ultimi periodi a occhio, non seguendo l’eventuale Changelog:

  • scelta di aver la barra flat oppure 3D-look con relativi controlli su angolazione, dimensioni e offset delle icone, cosa che si poteva fare fino a poco tempo fa soltanto con gconf-editor
  • scelta delle applets, ovviamente la principale launchbar/taskbar, ma anche il cestino, separatori, notification area (ancora non ho capito come funziona), workspace switcher (non mi piace per ora) ma soprattutto lo stack, una specie di Esplora cartella integrato, dal quale si possono navigare le cartelle, aprirle all’occorrenza, lanciare files!
  • ovviamente la possibilità di aggiungere e rimuovere i launchers, oppure modificarne l’ordine
  • chicca dell’ultim’ora il theme manager, dal quale potete installare nuovi temi per la barra (anche con semplice drag’n’drop dalla cartella) e cambiarli secondo la vostra meteopatica abitudine.

La domanda sorge spontanea: dove trovo i temi? Beh, per ora ne ho trovato uno solo tramite questo blog, ma penso cresceranno come funghi.
Insomma, parliamo di installazione comoda e configurazione facile, cosa vuoi di più dalla vita?
…un Montenegro! (un saluto a Ome e Santu, eheheh!)